domenica 21 dicembre 2008

La cena delle sette pietanze: torta di zucca dell'antivigilia

Nonostante un po' di vita vagabonda, cerco di tenere vivo le tradizioni della mia famiglia, anche se il tempo e l'esperienza le hanno modificate. A casa dei miei nonni si festeggiava il terzo giorno dell'ultima decade di Dicembre, il solstizio d'inverno, che segna la fine delle giornate di luce brevi e delle notti lunghe, in particolare nelle campagne, dove il tempo scorre seguendo i ritmi della natura, il 21 dicembre è il giorno più corto dell'anno. La sera del ventitre dicembre al mio piccolo paese d'origine, vicino Mulhouse, si fa la cena delle sette pietanze, perchè sette sono il numero delle ore di luce, sette il numero dei peccati capitali, sette i giorni in cui Dio creò il mondo, sette le portate di questa cena che mescola elementi simbolici pagani e cristiani tipici del mondo contadino.

La cena si apre con un grosso pane che si deve dividere tra i partecipanti alla cena, gli animali e un po deve essere sotterrato nella terra per garantirsi un buon raccolto. I piatti che seguono devono essere di magro per introdurre il pranzo delle vigilia dal gusto agrodolce e speziato perchè secondo la tradizione questo sapore è necessario per rendere accettabile alle coscienze l'abbondanza della cena nella preparazione del Santo Natale.

Il posto d'onore della cena spetta alla torta di zucca molto particolare dal sapore agrodolce, reso dagli ingredienti come la frutta conservata in salsa di senape o la mostarda utilizzata per corservare la frutta per l'inverno. Il sapore è particolare o lo si ama o lo si odia, anche io, ne amo il ricordo di mia nonna intenta a prepararla, ma ne mangio solo un pezzettino per tradizione. Nonostante i tempo ho cercato di rimanere viva la tradizione anche a casa mia, reinventado la cena delle sette pietanze, tanto che me ne rimane solo un vago ricordo, ricordo del bollito, del pesce di acqua dolce tipo il luccio e la trota servito con burro aromatizzato all'aneto, quello originale non lo ricordo più e me ne sono inventato un altro più light e più vegetariano.

La cena delle sette pietanze a casa mia:
  1. Il pane fresco
  2. Zuppa di porri
  3. Insalata di barbabietole rosse
  4. Torta di zucca agrodolce
  5. Composta di pere, frutta secca e spezie

Per la torta di zucca agrodolce:

Ingredienti: 2 rotoli di pasta sfoglia per i ripieno: 1 chilo mezzo di polpa di zucca, del pane grattuggiato, 1 limone, 100 gr di mandorle pestate, qualche amaretto, un non nulla di noce moscata, una manciata di formaggio grattuggiato, 150 gr di frutta conservata nella senape va bene la mostarda di cremona.

Procedimento :preparate il giorno prima il ripieno facendo cuocere la zucca a vapore o la forno, schiacciatela e aggiungete del pane grattuggiato, la buccia del limone, due o tre amaretti sbricciolati, la mostarda fatta a piccoli pezzi, aggiungete a mano a mano tutti gli ingredienti e regolate alla fine di sale e pepe, mettete in frigo tutta la notte. Al mattino assaggiate il ripieno aventualmente aggiustatelo di sapore. prendete la pasta sfoglia bucherettela coprite una teglia di 22 cm di diametro, mettere il ripieno, coprite con altra sfoglia pennellate con burro e mettete in forno a 180 gradi per circa un ora.

79 commenti:

  1. Come sarebbe bello mantenere le tradizioni di una volta!. Ora però mancando in genitori, mi è rimasta solo una piccola traccia, altre sono svanite e..... non rimane che un vago ricordo e tanta tanta malinconia. Molto interessante questo post.
    Ciao e a rileggerti!

    RispondiElimina
  2. non conoscevamo tutti i significati del 21 dicembre!!
    buonissima e particolare questa cena...non parliamo poi della torta: un sapore agrodolce con la zucca ci stuzzica tantissimo...dobbiamo provarla!!!
    un bacione e tanti auguri per un sereno Natale!!

    RispondiElimina
  3. Mi ripeto, ma anche questo post e' fantastico!
    Trovo molto bello e interessante leggere le tradizioni culinarie delle proprie famiglie.
    Come lo fai il salmone alle mele verdi?

    RispondiElimina
  4. Cavolo Gunther è sempre un piacere leggerti!Racconti cose così interesanti..e questa tradizione di famiglia è troppo bella!
    Ottimo il menù!
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  5. Un menù che solo a leggere mi fa venire l'acquolina in bocca!!!! non è che vi avanza un posto???? eheheheh
    Buona Giornata

    RispondiElimina
  6. A me piace proprio tutto il menu, tutte le portate sono molto interessanti!

    RispondiElimina
  7. Che bella tradizione.. e che bello poterla mantenere sempre!!! Ottima la torta di zucca.. io quest'ultima l'adoro! un bacio e Buone feste

    RispondiElimina
  8. Rispolverare le vecchie tradizioni di famiglia ti fa tornare indietro nel tempo e rivivere le emozioni di una volta... certo, sarebbe perfetto avere tra le mani la ricetta scritta dalla nonna in un vecchio quaderno ingiallito...

    RispondiElimina
  9. sono passata per augurarti buon natale!!! un grosso abbraccio

    RispondiElimina
  10. IDEONA questa!!!!
    Tanti auguri a tutti voi!

    RispondiElimina
  11. La zucca ce la mangiamo solo io e mia cognata, perciò questa torta la farò mignon, i tortelli invece fatti in quantità,ce li siamo proprio gustati!!!!
    Grazie e Buon Natale

    RispondiElimina
  12. bello venire a conoscenza delle tradizioni altrui e poterne usufruirne, ciao e buonissimo Natale!

    RispondiElimina
  13. Che peccato sempre queste foto piccoline! Era bello vedere 7 foto grandi di tutta questa mega cena...

    RispondiElimina
  14. Questa torta è eccezzionale!
    Ciao Gunther, inizio a farti i miei migliori auguri di Buon Natale!

    RispondiElimina
  15. è comunque sempre un piacere ricordare le tradizioni familiari, anche se magari si può fare qualche modifica come hai fatto tu. ottimo il tuo menù, e il pesce la sera della vigilia è una ottima scelta...
    un bacio, un abbraccio e un augurio di un sereno e felice natale con tutta la tua famiglia!

    RispondiElimina
  16. Gunther, mi hai ricordato molto un post che avevo dedicato alla Festa di San Giovanni sul mio blog Civis Romanus Sum :-D
    Bella la torta di tua nonna: una di quelle cose che non si fanno praticamente più, purtroppo. Meno male ci sei tu con la tua sensibilità a tramandarcela... :-D
    Mille auguri anche a te ed ai tuoi bimbi (c'è anche un "memuccio" per te da me :-D)
    Jacopo

    RispondiElimina
  17. che magia in questo numero sette che si ripete e da energia....ottime proposte!

    RispondiElimina
  18. che bello il post sembra quasi una favola!!!grazie!!

    RispondiElimina
  19. Adoro ascoltare i racconti per scoprire nuove tradizioni! la torta di zucca ricorda i tortelli ripieni, ma è sicuramente molto più veloce! Tanti tanti auguri a te e famiglia!

    RispondiElimina
  20. adoro le tradizioni e il fatto che si tengano sempre vive!!!! bella questa torta di zucca dev'essere deliziosa!!!baci

    RispondiElimina
  21. Io adoro queste traizioni che si tramandano, anche se un po' "imbastardite".....non sapevo nulladi questa cen delle sette pietanze, la magia del solstizio d'inverno però è unica, e i tuoi rcordi sono preziosi :)

    RispondiElimina
  22. Una bella tradizione e molto interessante il menu.
    Originale la torta ,tanti sapori insieme.
    Buona con la mostarda cremonese.

    Tanti auguri di buon Natale e felice anno nuovo!

    RispondiElimina
  23. E' bello mantenere vive le tradizioni e le loro simbologie, rinnovandole ogni anno e parlandone per diffonderle.
    La torta di zucca in agrodolce di tua nonna mi piacerebbe molto.
    Ciao

    RispondiElimina
  24. Per fortuna ci sono i ricordi...

    Bel post, complimenti!!!

    Ciao Gunther, BUONE FESTE:-)

    RispondiElimina
  25. Leggendo il tuo racconto, ci siamo guardati negl'occhi e ci siamo detti "ma noi tradizioni del genere non sappiamo nemmeno cosa fossero!" Le nostre tradizioni stanno scomparendo dietro ad una mntagna di invenzioni pubblicitarie (compreso il Natale come lo viviamo oggi) fatte di compra compra. Sta scomparendo la voglia del festeggiare assieme, dello star bene tra amici riscoprendo la convialilità. La vita frenetica di oggi ci scorre accanto facendoci perdere il gusto delle cose semplici. Il dio denaro frutto del "lo voglio anch'io" (di cui, non lo neghiamo, facciamo parte anche noi) fa incetta del tempo, delle cose lente.
    Tutto questo per dirti grazie Gunther e Buon Natale in un mondo di lentezza, di gioia e letizia a te ed ai tuoi bambini.
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  26. Ma pensa, non ho mai sentito di questa tradizione di cena delle 7 pietanze!
    Poi ci parli del salmone alle mele verdi?..

    Gunther, un abbraccio e Buon Natale!!!

    RispondiElimina
  27. Bella tradizione! Comunque non ho mai capito se questo benedetto solstizio d'inverno, scientificamente parlando, cada il 21 o il 23 dicembre!

    RispondiElimina
  28. Buonissima la torta di zucca fatta così, davvero... e bravo tu a tramandare le tradizioni nella tua famiglia, complimenti! Buon Natale Gunther, un abbraccio!

    RispondiElimina
  29. che bella ricetta!!!! te la copioooooo!!! Buon Natale!!!!!!
    un bacetto Pippi

    RispondiElimina
  30. quante cose che si imparano ogni giorno:-9cmq ti faccio i miei migliori auguri di un sereno e felice natale,baci imma

    RispondiElimina
  31. The Master Of Cook23 dicembre 2008 15:07

    Che post interessante e carico di nostalgia per le tradizioni che piano piano vanno sempre piu scomparendo.

    Ne approfitto per farti gli auguri per un sereno Natale e un felice anno nuovo.

    A presto!

    RispondiElimina
  32. la tua torta del solstizio d'inverno vorrò provarla! ha tutti ingredienti che mia aggradano assai!
    bella ed intensa la numerologia del 7 (del resto come il tre o il nove o il dodici, anche il quatto che jungianamente sta per l'intero!)il sette mi pare più appropriato per scandire la vita umana, se ci si fa caso ogni sette anni accadono cambiamenti radicali e giustamente si dice della crisi conuigale del settimo anno!
    la tua/ vostra cena del sette è molto attraente così come il tuo ricollegarti alle radici della tua famiglia, alla memoria perché nelle origini c'è la nostra essenza.
    Buoni giorni di Natale!

    RispondiElimina
  33. mi piace leggere le tadizioni e gli usi delle proprie famiglie, la tua non la conoscevo!!!!
    Ti faccio tanti auguri di Buone Feste anche alla tua famiglia!!!

    RispondiElimina
  34. Tanti auguri per uns ereno Natale

    RispondiElimina
  35. Che bel post interessante! Tanti tanti auguri, caro Gunther! Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  36. Che bello quello che hai raccontato....mi hai fatta tornare indietro nel tempo...a quelle tradizioni che, purtroppo, sono quasi del tutto svanite!
    Auguri di cuore per un sereno Natale e uno splendido 2009!!!!
    Baciooooo
    Antonella

    RispondiElimina
  37. Gunther ti ho letto tutto d'un fiato !!! Tanti, Tanti, Tanti Auguri per un Sereno e Gioioso Natale !!! Laura

    RispondiElimina
  38. zucca, amaretti e mostarda è anche il sapore della cena della Vigilia a casa mia - Tortelli di zucca mantovani!
    ciao Günther, buon Natale anche a te, saluti golosi, cat

    RispondiElimina
  39. Tanti auguri a te e alla tua famiglia per un felice e sereno Natale.
    Ciao

    RispondiElimina
  40. questi tuoi ricordi sono molto belli, io, che sono una nonna, spero che i miei nipotini mi ricordino, un giorno, con la stessa tenerezza...
    AUGURONI... SERENO NATALE E ALLEGRO NUOVO ANNO!!!!

    RispondiElimina
  41. Dal vicino caminetto scende giù un angioletto, l'ho mandato di nascosto a dare gioia in ogni posto, tanta gioia e tanto amore agli amici che ho nel cuore! BUON NATALE!
    M&M

    RispondiElimina
  42. Ciao Gunther, passo per un saluto e per augurarti un sereno, nonché felice e "vagabondo", Natale.

    RispondiElimina
  43. Gunther, tanti auguri di un Natale sereno e di un anno nuovo pieno di gioia!
    Cristina

    RispondiElimina
  44. Buona questa torta e bello anche il tuo racconto,bisogna mantenere le tradizioni! Ti auguro un sereno Natale!!!

    UN abbraccio da Elly di Dolcemania per la pasticceria!

    RispondiElimina
  45. non sapendo quando potrò ripassare, visti gli impegni festivi e le corse per i regali di questi giorni, passo ora a farti i miei MIGLIORI AUGURI di Buon Natale ... un abbraccio ^______________^

    RispondiElimina
  46. E' una torta molto interessante, come conoscere anche la tradizione dell tua famiglia. Non conosco la frutta nella senape, la mostarda, non l'ho mai assaggiata e so immagginare il gusto che puo' dare a questa torta, amerei pero' conoscere la ricetta delle verdure marinate nello zafferano, mi incuriosisce molto.

    Ti auguro un natale sereno, insieme alla tua famiglia e tanta tanta gioia.

    RispondiElimina
  47. AUGURI DI BUON NATALE E DI UNO SCOPPIETTANTE ANNO NUOVO!!
    UN MAGICO BACIO DALLA STREGA SUSINA!!!!
    ^_^

    RispondiElimina
  48. Ti faccio i miei Auguri di un sereno NATALE a te e famiglia!
    Carla

    RispondiElimina
  49. Tanti cari auguri per un sereno e dolce natale!

    RispondiElimina
  50. Tanti Auguri di Buon Natale!! :-)

    Un abbraccio ...

    RispondiElimina
  51. che bello il simbolismo ,non conoscevo! per favore quando vuoi se puoi mi mandi per favore la ricetta al salmone alle mele verdi grazie io proprio adesso ho postato il sorbetto alle mele verdi buone festività

    RispondiElimina
  52. ciao Gunther. ho cercato la tua mail per mandarti una cosa ma non l'ho trovata. ma fa niente, ti lascio i miei auguri qui! ;-)
    ciao ciao.

    RispondiElimina
  53. tanti auguri per un felicissimo natale!!!

    RispondiElimina
  54. E' veramente suggestiva questa cena delle sette pietanze!
    Ti auguro un sereno Nastale e un felice Anno Nuovo!

    RispondiElimina
  55. ...mi sembra un'usanza meravigliosa...penso proprio di adotarla anch'io...dal prossimo anno festeggerò il solstizio così...menomale...ho sempre bisogno di una "scusa" per creazioni nuove e cenette...questa mi pare divina!Mi piacerebbe assaggiarla questa torta di zucca, magari la rifaccio...ti ringrazio per gli auguri, ovviamente ricambio! Un abbraccio anche a te. :-)

    RispondiElimina
  56. Augurissimi Gunther, buon Natale e felicissimo 2009, un abbraccio

    RispondiElimina
  57. Olá, Your blog is very interesting. I loved the story and the images. Very beautiful tradittion too.
    Merry Christmas!
    Bye

    Lúcia
    www.fazemosdeconta.com

    RispondiElimina
  58. Tanti tantissimi auguri di buon natale anche a te!!!

    RispondiElimina
  59. ciao Gunther,
    ti mando tantissimi auguri di
    Buon Natale e Felice Anno Nuovo!
    un abbraccio baci
    giusy

    RispondiElimina
  60. Bellissima ricetta !!!!!! grazie

    Tanti e tanti auguri ,un abbraccio

    ciao army

    RispondiElimina
  61. Passo per un saluto e per un caro augurio di serene giornate di festa!

    RispondiElimina
  62. Davvero interessante questo post. Una tradizione che non conoscevo (nonostante sia cresciuta in piena campagna). Vale davvero la pena di tramandarla nel tempo. Tanti auguri di buone feste a te e alla tua famiglia, Cat

    RispondiElimina
  63. bello il rito delle sette pietanze!

    auguri :)

    RispondiElimina
  64. auguri Gunhter! il tuo blog è veramente speciale, come l'atmosfera che si respira durante le feste natalizie. Ho letto che ti occupi di marketing e comunicazione. Anche io, ma in un altro settore. Un abbraccio,
    CookingMama
    http://cookingmama.myblog.it

    RispondiElimina
  65. Bello questo racconto...a sentir parlare di nonni viene sempre nostalgia soprattutto in questi giorni...Buone Feste...

    RispondiElimina
  66. Sono passata a farti i miei auguri di buone feste :-)

    RispondiElimina
  67. che bella la cena delle sette pietanze e che bello festeggiare il solstizio.... la verrà presto realizzata, e mi fa venire in mente un'altra torta alla zucca, ma salata, che vorrei fare presto....
    Grazie, e buone feste!

    RispondiElimina
  68. Come sempre interessantissime le pietanze che proponi e le tradizioni che stanno dietro...questa torta mi sembra poi veramente ottima!!!

    RispondiElimina
  69. Sei linkato nel mio blog.. così ti posso tenere d'occhio... ;-)) ma stavolta i feed devono aver preso un periodo di ferie, perchè mi sei "comparso" solo oggi tra i nuovi post! Bè...meglio tardi che perdersi una così bella ricetta della tradizione! Grazie e auguri cari per il nuovo anno!

    RispondiElimina
  70. Ciao, Gunther. Passo per augurarti un anno felice!
    A presto.

    RispondiElimina
  71. Gunther, fai bene a cercare di mantenere il gusto per le tradizioni, fa bene ai grandi e fa bene ai piccoli che cresceranno con un pò più di calore nel cuore, oltre che i ricordi.
    P.S. hai ragione, il sapore agrodolce o si ama o si odia.. :)
    Buon Anno Nuovo!!

    RispondiElimina
  72. Buonissima ricetta! Grazie! Ciao!

    RispondiElimina
  73. Torta di zucca agrodolce! Corro subito a comprare le ultime zucche. Voglio subito provarla e offrirla il giorno dell Epifania. Un piatto unico con un po di misticanza e un po di spumante...l ultimo brindisi per un sereno 2009 !
    Jackie De Ribes

    RispondiElimina