venerdì 7 novembre 2008

Tortelli dei dodici abati di Challant (Tortelli di zucca poveri della cucina medioevale)

Una ricetta che è una leggenda, come ho più volte raccontato sono un frequentatore di conventi, mentre mi trovavo ospite in un convento della Valle d'Aosta, mi vennero serviti questi tortelli di zucca che nulla avevano a che fare con i Tortelli di zucca mantovani, ma che conquistarono il mio palato e la curiosità. Così chiesi chiarimenti ai monaci e mi raccontarono che nel Medioevo in Valle d'Aosta la famiglia dei Challant era una delle nobili famiglie della Valle , non ero raro allora che i conventi fossero sotto la protezione di famiglie nobili, c'è perfino un racconto sui dodici abiti di challant ma che i monaci sostengono poco veritiero. La ricetta qualcuno dice sia nata nel castello di Issogne, qualcuno dice nel castello di di Aimone di Challant a Fenis (Ao) o in un convento oramai distrutto.

Era segno di prestigio godere della compagnia di religiosi, i frati hanno sempre avuto una cultura del cibo e degli alimenti di grande raffinatezza, qualcuno dice per equilibrare il corpo dal voto di castità è quindi hanno nel palato maggiore sensibilità. La maggior parte di questi conventi erano istituzioni totali, nel senso di comunità chiuse e autosufficienti dal punto di vista alimentare. Nel medioevo non c'erano frigoriferi e uno dei pochi ortaggi capaci di durare a lungo con il freddo era proprio la zucca, che veniva utilizzata proprio per questa grande facilità di conservazione. In tutti i conventi e le casa nobili c'erano animali da latte per avere latte e formaggi freschi. Da questi due elementi in questo caso la ricotta come recupero della lavorazione del formaggio e zucca, è nata questa ricetta di tortelli di zucca poveri che fino ai nostri giorni, veniva solo preparata nei conventi, in occasioni speciali e tramandata dai maestri di cucina.

PS: Questa ricetta è ben documentata perchè qualcuno ha sostenuto che le mie ricette non sono realizzabili, mi sono molto dispiaciuto, perchè forse non mi sono spiegato bene, avendo seguito corsi di cucina ho ritenuto banale tante cose e allora, da adesso in poi con il tempo a disposizione cercherò di documentare meglio le ricette .











Tortelli dei Dodici Abati di Challant (per 8 persone)
Ingredienti Per la pasta: 400 gr di farina, 1 tuorlo , 4 uova intere, 1 o 2 cucchiaio d'olio. per il Ripieno: 200 gr di ricotta di capra (anche di pecora o mucca), 400 gr di zucca mantovana, 4 o 5 amaretti, 1 tuorlo d'uovo, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, noce moscata, sale e pepe Condimento: 100 gr. burro più piccole verdure di stagione come carote porro o erbe aromatiche io adopero timo o salvia.

Procedimento:
1) preparare il ripieno prendere la zucca, tagliarla e pulirla e cuocerla al vapore, e metterla nel mixer per ridurla in polpa, metterla in une terrina e aggiungere la ricotta schiacciatela e amalgamatela con la zucca, sbricciolate qualche amaretto, una grattatina di noce moscata, uovo, sale e pepe e lasciate riposare in friogorifero qualche ora, Io la preparo la sera prima di andare a dormire.

2) preparare la sfoglia di pasta come nelle foto è un gran lavoro ma ne vale la pena. Stendetela e mettete un po di ripieno e copro con la sforglia e taglio con un bicchiere o una rondella.



3) cuocere i tortelli in acqua salata per dieci minuti, fate uan bollitura dolce, finche saranno cotti, scolateli

4) intanto fare rinvenire il burro con le verdure tagliate a tocchetti piccoli o le erbe aromatiche e unite i tortelli una volta scolati fate saltare un minuto e serviteli con un po di formaggio grattugiato


Buon appetito

90 commenti:

  1. che buoni i tortelli di zucca, io abito tra Mantova e Verona e da queste parti sono molto diffusi, infatti è proprio qui che li ho conosciuti e ho imparato ad apprezzarli!!! :-)

    RispondiElimina
  2. semplicemente meravigliosi! grazie per averli condivisi con noi!^_^

    RispondiElimina
  3. Bell racconto, bella ricetta, io posso fare le tue ricette.
    Bacione

    RispondiElimina
  4. buonissimi:-) se ti interessa sul blog di cucina c'è la possibilità di scaricare il pdf con una parte dei primi piatti che sono sul mio blog...un modo per averli tutti a portata di mano...se sei interessato a scaricare clicca qui
    http://blogdicucina.blogspot.com/2008/11/dei-primi-piattiunici.html
    un bacio:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  5. Ciao Gunther, se ti capita di passare per Torino, ti consiglio di provare il ristorante LA BADESSA, in piazza Carlo Emanuele, in pieno centro. È ospitato in un palazzo barocco, ed è specializzato nel riproporre ricette provenienti da vari conventi e monasteri italiani.

    RispondiElimina
  6. Troppo gustosi questi tortelli....Buon week-end!
    vale

    RispondiElimina
  7. Devono essere veramente favolosi..che bella la storia di questa ricetta.
    ciao
    buon we.

    RispondiElimina
  8. Grande Gunther, questa si che è facile facile (non come quelle cose strane che fai tu.... hahahahahah SCHERZOOOOO!).
    Complimenti non solo per la ricetta: è proprio un bel post, questo sui conventi ;-D
    Jacopo

    RispondiElimina
  9. Sei davvero un gentleman Gunther!bellisima la ricetta e interessante la genesi di questo ottimo piatto!
    Buon we
    saretta :D

    RispondiElimina
  10. che meraviglia...i tortelli di zucca...il tuo ripieno poi mi pare possa togliere quello stucchevole che a volte ha la zucca...
    intanto io ti chiedo un grande piacere...vuoi parteciapre al mio meme?...mi servirà per la mia tesi, se puoi vieni a dare un'occhiata! :)

    RispondiElimina
  11. Un'altra ricetta con la mia amatissima zucca, non potrei chiedere di meglio! :-)

    Buon fine settimana,
    un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ciao Gunther, tu passi sempre dal mio blog ed io cafoncella non ho mai ricambiato la visita.
    Mi perdoni? Questo blog è bellissimo e questa ricetta è sicuramente deliziosa...parlo con cognizione di causa perchè da me nel Cremonese, oltre ai tortelli Cremaschi fatti con gli amaretti si preparano i tortelli di zucca e il ripeno è molto simile a quello da te descritto.
    Ti metto tra i preferiti almeno non mi scappi più di mente..:))
    Ciao e buona giornata...ormai quasi serata

    RispondiElimina
  13. Sono fantastici! E grazie per la ricca documentazione sulla storia di questo piatto: come tutti i racconti mi ha affascinato molto!

    RispondiElimina
  14. Ciao Gunther, mi è piaciuto il racconto, per non parlare dei tortelli, li adoro!!!
    Ti linko tra i preferiti e tu se vuoi passa da me c'è n premio
    Buona serata!!!

    RispondiElimina
  15. buoni buoni buoni...che altro aggiungere??baci imma

    RispondiElimina
  16. adesso mi hai definitivamente conquistato...

    RispondiElimina
  17. @Gunther si i tortelli sembrano otttimi ma la storia che racconti mi piace ancor di più e rende il piatto affascinante

    RispondiElimina
  18. Ottime ricette davvero gustose!!

    RispondiElimina
  19. A me non sei mai sembrato poco chiaro. Si vede che sono intelligente! Pazza ma intelligente :) Ih!Ih!Ih!
    E per questo ti lascio pure un pensierino. :)

    RispondiElimina
  20. Ricetta favolosa, preparazione impeccabile!
    Buon fine settimana,
    Stefano

    RispondiElimina
  21. Laricetta è gustosissima e come sempre accompagnata da notizie interessanti, complimenti e grazie

    RispondiElimina
  22. Quando vengo a trovarti imparo semre qualcosa di nuovo, e questo è molto stimolante, soprattutto perchè pensavo di detenere la ricetta in assoluto più buona di cappellacci con la zucca..ma questa non scherza..sento il trono traballare:))
    Elga

    RispondiElimina
  23. Gunther, ma questi tortelli ululano da quanto devono essere buoni, roba da impazzire! Io adoro i tortelli di zucca e questi devono essere strepitoso. Le ricette io le trovo chiarissime, non sono esperta, anzi, ma le tue descrizioni sono sempre molto precise! Buon weekedn

    RispondiElimina
  24. è una ricetta che faccio a volte il martedì, faccio questi tortelloni per un ristorante della mia amica ,però io in casa mia non li ho mai fatti... grazie

    ciao army

    RispondiElimina
  25. mi sono dimenticata di dirti , ti abbiamo linkato nel nostro blog . spero non ti dispiaccia , ciao a presto army

    RispondiElimina
  26. Che belle histoire! Al prossimo invito a cena preparerò questi ottimi tortelli inmmaginando di essere in un convento della Valle d Aosta, candele su tavolo e che i miei ospiti siano i ...dodici abati!
    Grazie delle tue ricette sempre molto "intime"
    Jacqueline de Ribes

    RispondiElimina
  27. I tuoi post sono sempre bellissimi, pieni di riferimenti storici estremamente in teressanti e poi le tue spiegazioni sono sempre impeccabili!!!!
    Grazia

    RispondiElimina
  28. Anch'io sono affascinata da conventi e monasteri e, ultimamente, ho dedicato diversi post a questi luoghi!
    Caro Gunther, grazie per aver condiviso questa ricetta. Copio e archivio.
    Buon weekend e a presto

    RispondiElimina
  29. ciao, puoi passare ancora da me?

    RispondiElimina
  30. che racconto interessante e che bei tortelli di zucca, dal ripieno insolito rispetto al tradizionale (che va senza ricotta)...anche se confesso di preferire la versione senza amaretti ;-) un buon weekend!

    RispondiElimina
  31. Preparare la pasta fresca è un lavoro impegnativo, ma che soddisfazione! Ripieno delizioso! Buon fine settimana

    RispondiElimina
  32. a me piacciono troppo le paste ripiene!! bravissimo!!

    RispondiElimina
  33. Le tue ricette sono sempre super dettagliate e sopratutto adoro le citazioni storiche che riporti!
    Buon week end :-)))))

    RispondiElimina
  34. con gli amaretti??? ma particolarissimo....Ricette empre interessanti... e bravo Gunther

    RispondiElimina
  35. roberta.mangano8 novembre 2008 18:39

    zucca ricotta amaretti e noce moscata sembra quasi un dolce ricorda i tortelli cremaschi

    RispondiElimina
  36. interessantissimo questo post e deliziosa la ricetta come sempre, grazie :-)
    Ely

    RispondiElimina
  37. che belli!!! adoro la pasta ripiena!!! buon w.e.

    RispondiElimina
  38. Ciao!Grazie per i complimenti ...che ricambio di cuore!Ricette molto belle e ricercate le tue...
    ps...sono una fan della zucca mantovana...buona e bellissima!

    RispondiElimina
  39. qualcuno non sà di cucina è fà l'esperto, le tue ricette non sono irrealizzabili, ma da metterci impegno si ciao

    RispondiElimina
  40. Ciao gironzolavo tra i blog ed eccomi nel tuo..Ti lascio un salutino e ti auguro una buona domenica!!

    RispondiElimina
  41. Nemmeno io ho mai avuto problemi a capire le tue ricette... mi viene il dubbio di essere come camalyca!

    I tortelli di zucca sono buonissimi... non li ho mai trovati stucchevoli (se la zucca è buona, i tortelli sono uno spasso!).

    RispondiElimina
  42. ciao devono essere uoni questi tortelli di zucca non li ho mai provati ^_^
    baci veronica

    RispondiElimina
  43. immaggino gia'che buoni e che sapore ;)
    e la storia che hanno alle spalle,che non conoscevo,li rende ancora piu'interessanti ;)

    RispondiElimina
  44. adoro i tortelli alla zucca!!!!
    e questi mi piacciono molto!!!
    buona domenica Gunther!

    RispondiElimina
  45. no!! sai stendere anche la pasta, devo dire che il ripieno merita da provare, ma se li hai già pronti li puoi anche portarli a San Colombano a noi piacciono cosi, ciao da Mina

    RispondiElimina
  46. ma sono bellissimi i tuoi tortelli, molto precisi a me piacciono tanto, apparentemente semplici, ma buonissimi

    RispondiElimina
  47. E io me li segno..sono 20anni che vado a Challant :) adoro la Valle d'Aosta e sono appassionata di ricette medievali!
    Grazie per questa chicca!

    RispondiElimina
  48. Gunther, non ti dispiacere le critiche servono a migliorare.
    Comunque i tuoi ravioli sono superbi ed il racconto è molto carino.
    bravo... a dispetto di chi critica...eheheh...
    baci.
    bab

    RispondiElimina
  49. Cio Gunter..grazie per la visitina che ricambio con piacere!!

    RispondiElimina
  50. Li ho assaggiati una volta a Reggio Emilia e non li dimenticherò mai! Slurp!

    RispondiElimina
  51. Quale meravigliosa e paradisiaca visione, questi tortelli gonfi e golosi, allineati come soldatini... Che bontà, vero? Ti spedisco un abbraccio da Roma.

    RispondiElimina
  52. che buoni!
    mio marito li adora!!!

    RispondiElimina
  53. eccolo qua con il suo bastone e i tortelli, viene e trovarci quando vuoi, sei sempre il benvenuto ma con i tortelli lo sarai ancora di più, un saluto daniele.. parla ogni tanto anche di vino però

    RispondiElimina
  54. ricetta molto originale che bella descrizione storica

    RispondiElimina
  55. Se ne prepari un piattino in piu' domani sono a mangiare da te!!!
    :P

    RispondiElimina
  56. è incantevole leggere quello che scrivi...
    Baci
    Panna

    RispondiElimina
  57. bello il post e chiarissima la ricetta, pure le foto in sequenza...
    troppo bravo....ciauzzzzzz :-))))

    RispondiElimina
  58. Adoro i tortelli di zucca! E poi mi è piaciuto molto il tuo parallelo con gli abati di Challant...l'hai letto il libro??
    Io si e mi era piaciuto.Mi hai fatto tornare alla mente dei bei ricordi!

    Castagna

    RispondiElimina
  59. Grazie Gunther per questa preziosa ricetta e per la storia che vi è legata. Cat p.s. Una piccola parentesi, io trovo che il tuo modo di spiegare e raccontare le ricette sia sempre stato molto esauriente e chiaro!

    RispondiElimina
  60. Gunter sono sincera io odio i tortelli di zucca.

    RispondiElimina
  61. meno male sara! ci mancherebbe altro, spero di fare qualcosa che ti piace di più la prossima volta, buona giornata

    RispondiElimina
  62. se per è per questo ne hai già fatte tantissime....

    RispondiElimina
  63. I ravioli che ho fatto fin ad ora li ho fatti tutti col matterello, non ho ancora la macchinetta!! E' vero che e' una soddisfazione, ma l'Imperia appena torno dai miei la rubo alla mia mamma, che non la usa piu' :P

    Due sere fa ho fatto la tart tatin ed ho pensato a te ed al video che avevi postato un po' di tempo fa, ma non avevo il PC acceso...ora mi vado a riguardare al tua versione :))
    Ciao!

    RispondiElimina
  64. Saranno anche poveri ma sono ricchissimi di gusto, me li papperei subito anche se ho già pranzato!

    RispondiElimina
  65. Bravissimo!
    Guarda che le donne sono precise!!!
    salutoni, a presto

    RispondiElimina
  66. Spero ti faccia piacere...se passi da me ti ho riservato un premio.
    Ciao

    RispondiElimina
  67. che meraviglia!!
    Non so se preferisco i tortelli oppure la leggenda

    p.s. se la zucca non è mantovana va bene lo stesso?
    :-)

    RispondiElimina
  68. Anche se intevengo poco ti seguo da diverso tempo e, se questo può consolarti( magra consolazione, lo so), non ho mai trovato le tue ricette irrealizzabili o non ben spiegate.

    RispondiElimina
  69. grande!!! buoni . da tanto che non passava da qua mea culpa.

    RispondiElimina
  70. ma che buoni questi tortelli!!! con il ripieno di zucca devono essere squisiti!!!
    bravo!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  71. Accidenti! sono entrata nei commenti e già tutti hanno scritto quello che volevo dirti. Comunque è stata una bella sorpresa il tuo blog, la tua ricetta e i tuoi pensieri. Abbiamo fatto più o meno la stessa scelta di stile e di impostazione per i nostri blog. Se ti va passa dal mio e dimmi cosa ne pensi. ne sarei onorata. Ti seguirò, promesso
    Anna

    RispondiElimina
  72. E' sempre un piacere entrare nel tuo blog e leggere i "racconti/ricette" che posti. Complimenti Gunther

    RispondiElimina
  73. Pensa che io li ho tanto odiati da piccola ma ora li adoro!!!! I tuoi siono favolosi

    RispondiElimina
  74. ohhhh chi è che mette in dubbio il mitico Gunther? per me, le tue ricette sono fattibilissime!!!!
    e soprattutto buone!

    RispondiElimina
  75. Che buoni questi tortelli, io con la zucca li sempre fatti con la ricotta una ricetta di famiglia. Stupendo poi il racconto introduttivo...ciao

    RispondiElimina
  76. li ho fatti, li ho fatti, ho fatto i tortelli!!!!!!

    RispondiElimina
  77. Io sono un po' indietro con la conoscenza dei tortelli di zucca visto che li ho mangiati solo a Parma e mai a Mantova (non essendoci mai stata)...ora scopro che mi mancano anche quelli valdostani :-)

    Ciaoooo!

    RispondiElimina
  78. Che delizia!
    Ciao gunther volevo ringraziarti per il tuo interessamento alla mia raccolta...
    sì vanno bene anche ricette già postate!
    baci

    RispondiElimina
  79. potrei fare pazzie per un piatto di tortelli di zucca (sono cremonese...). presto posterò anch'io la mia versione e ti inviterò ad assaggiarli. complimenti! CookingMama
    http://cookingmama.myblog.it

    RispondiElimina
  80. belle le storie di conventi; ho letto di una frittata di non so più quante uova, mi pare in un libro di Duby, che parlava dell'architettura cistercense.

    e mi viene in mente la zuppa di zucchine e cipolle dei frati del convento di San Lorenzo a Roma.. raccontacene ancora :)

    RispondiElimina
  81. Complimenti Gunther, devono essere proprio buoni questi tortelli!
    Io non li ho mai fatti con la zucca!
    Rimedierò :-)
    Ciao e buon w.e.

    RispondiElimina
  82. Preparati cosi in casa devono essere una bontà . Li compro raramente quando ho voglia ,li mangio solo io. Invece il mio marito e figlio ,non li gradiscono per niente …non li piacciono il sapore dolce-salato insieme.

    RispondiElimina
  83. Bello che insieme alla ricetta riporti i cenni storici!Interessante!!!:)
    Sembrano buonissimi...

    RispondiElimina
  84. ho letto appassionatamente il racconto della ricetta. Mi ha urtato sapere che qualcuno mettesse in dubbio la veridicità di cio' che ci proponi..
    la ricotta di capra se si riesce a reperirla deve avere unsapore unico colla zucca...mhhhhh
    a presto

    RispondiElimina
  85. Meravigliosi questi tortelli!
    Anche noi, in viaggio di nozze, siamo stati in Valle d'Aosta e di preciso nel'Hotel Comtes de Challant ( http://www.hcdc.it/ ) a Fenis proprio sotto il meraviglioso castello!
    Sono posti che non dimenticherò MAI... ci tornerei altri miliardi di volte.
    Una tranquillità incredibile, sembrava davvero di toccare con mano il silenzio!
    A presto
    Betty

    RispondiElimina
  86. ...buonissimi...adoro le ricette a base di zucca anche se devo dire che la cucino poco perchè per ben due volte sono corsa al pronto soccorso a farmi ricucire le dita...:(( Che sbadata!!!
    Mi farò coraggio e ci riproverò...la tentazione è troppa!!

    RispondiElimina
  87. Ciao gunther ho due mega zucche che ogni giorno guardo e passo oltre... ma non sono mantovane anche se diverse una è striata lunga e grossa che dici possono andare... altrimenti passo se prendo un'altra zucca me la tirano dietro ahahaha

    RispondiElimina
  88. Sono veramente squisiti! Anch'io li preparo così, l'unica variante è che nell'impasto ci aggiungo un nonnula di mostarda di mele e poi una volta cotti li condisco con burro fuso e salvia e una spolverata di parmigiano. Grazie caro Gunther sia per renderci partecipe delle bellezze che ci circondano, che per le buonissime ricette!
    Ti abbraccio
    ciaoooo

    RispondiElimina