domenica 4 maggio 2008

Quei monaci cosi cordiali : Elisir di lunga vita

Ho sempre frequentato i monasteri, sia per ragioni spirituali (non troppo) che per motivi culturali (molti) e avuto modi incontrare sempre delle persone colte, intelligenti e umanamente straordinarie, molto lontane dalla chiesa ufficiale ma molto vicino alle persone. Ogni tanto ci porto anche i miei figli, non li voglio obbligare a credere ma a capire per redergli umanamente più ricchi (impresa epocale). Sono luoghi di preghiera d'arte e cultura. I negozi all'interno dei conventi servono ai monaci per vivere, parliamoci chiaro. Ho pensato di fare una piccola guida sui conventi che conosco e i loro "elisir" più noti.

Abbazia di Piona Colico (Lecco): rinomato per i liquori dolci come il mandarino e il cistercense tra gli amari la Ferrochina di Piona.
Abbazia di Novacella: L'abbazia agostiniana comune di Varna, nei pressi di Bressanone (BZ), è rinomata peri vini bianchi sopratutto Sylvaner, Riesling Italico, Traminer Aromatico .
Abbazia di Praglia, Bresso (PD): molto prodotti cosmetici ma io consiglio sopratutto il miele con le arnie curate dai stessi monaci.
Abbazia di Chiaravalle della Colomba ad Alseno (PC) :hanno ricette di liquori del 1700, le erbe vengono lavorate a freddo per mantenere intatte le proprietà medicamentose.
Monastero di Camaldoli a Camaldoli (AR) una vecchia farmacia storica dal 1513, da segnalare il digestivo laurus fatto con 14 erbe e le tisane preparate dai stessi monaci, mentre le caramelle alle gemme di pino, orzo, miele sono realizzate da privati su indicazioni dei monaci.
Abbazia di Vallombrosa a Vallombrosa (FI) si producono direttamente alcuni liquori che si tramandano da antiche ricette con erbe rare, come il “Vallombrosa”, non producono tutto ma fanno fare secondo le loro direttive hanno anche un sito di vendita on line.
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore a Chiusure (SI) vino, olio, farro ma sopratutto il liquore Flora composto da 23 erbe aromatiche, propoli come coadiuvante per la cura della leucemia e la tisana Maylis consigliata a colore che soffrono di insonnia, coliche renali, reumatismi.
Monastero di Nostra Signora di San Giuseppe a Vitorchiano (VT) uniche in Italia le suore trappiste che si dedicano all'agricoltura preparano 20 tipi di marmellate naturali diverse.

Ricordate che tutti questi prodotti non vanno confrontati con quelli che acquisite normalmente perche sono privi si aromi artificiali e al primo approccio possono anche deludere, ma vedrete che con il tempo sapranno dare ottimi risultati.

26 commenti:

  1. non è che ti sei fatto prendere un po troppo la mano? Che ci fai anche la guida dei conventi?

    tortellino goloso

    RispondiElimina
  2. Apprezzo e rispetto profondamente il lavoro di questi frati, va al di là del credere o non credere. Hai fatto bene a parlarne.

    RispondiElimina
  3. deliziosi!
    io spesso acquisto i prodotti tipici delle abazie...cosi retro' e di gusto

    RispondiElimina
  4. Io acquisto sopratutto prodotti di cosmesi ho visto che sono molto efficaci

    Romina

    RispondiElimina
  5. Sono sicuramente luoghi di cultura e per chi crede anche qualcosa di più,
    sicuramente un esempio di dedizione e rispetto per quel che ci circonda che viene usato al meglio, e con saggezza
    valori che è meglio far conoscere.
    Ciao alla prossima.

    RispondiElimina
  6. Anche a me piace molto andare a visitare le abbazie, te ne segnalo un paio quì in toscana che meritano di certo una visitina:
    La certosa di calci (pi)
    www.montipisani.com/storia/certosa.htm

    L'abbazia di San Galgano (si)
    www.sangalgano.info/

    tutte e due hanno un negozietto dove vendono i prodotti dei frati...

    RispondiElimina
  7. grazi e a tutti per i messaggi e ricordatevi di loro, grazie a @lilith per gli indirizzi nuovi in toscana , chi ne ha da suggerire sono ben accetti

    RispondiElimina
  8. Ciao Gunther,
    molto interessante, ho
    diversi amici preti, chiedero
    e ti farò sapere, almeno spero.
    Ciao
    Nino

    RispondiElimina
  9. Ciao Gunther, buona idea. Penso che questo elenco mi potrà tornare utile. Ciao,
    Stefano

    RispondiElimina
  10. mi sembra molto buono quest'elisir buona giornata

    RispondiElimina
  11. Ciao Gunther, anche a me piacciono molto i negozietti di rivendita dei monaci presso le abbazie e conventi, trovo spesso dei prodotti particolari. Queste info poi sono utili anche per il mio lavoro :) grazie.
    Buona giornata Si

    RispondiElimina
  12. L'elisir è da provare ed i posti di cui tu parli da visitare (almeno virtualmente) vado a dare un'occhiata

    RispondiElimina
  13. Anche a noi, quando c'è l'occasione, visitiamo conventi e abazie.
    Da poco siamo stati all'Abazia di Novacella, che oltre un'ottima selezione di vini (anche rossi) ha annessa una "taverna" dove pranzare con ottimi prodotti tipici (spec, formaggi,ecc..)e un buon bicchiere di vino.

    RispondiElimina
  14. molto interessante questo tuo post. Alcuni dei suddetti monasteri li conosco altri no e me liannoto di corsa...a me piace la sensazione di pace e serenita' che si trova in questi luoghi!
    a presto
    sciopina

    RispondiElimina
  15. pyramid61@yahoo.com7 maggio 2008 10:27

    è la prima volta che vedo una guida per i monasteri, veramente complimenti, non finisci mai di stupirci

    RispondiElimina
  16. Ciao Gunther, sono passata a vedere il tuo blog! Non lo conoscevo, mi sono per così dire accorta della sua presenza dal commento che mi hai lasciato... Mi piacciono molto le tue ricette, sei davvero bravo complimenti!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  17. un alternativa quella degli acquisti nei monasteri che mi piace molto

    RispondiElimina
  18. Ciao Gunther, anche a me piacciono molto i monasteri, se posso ti consiglio di vedere il monastero di "S.Caterina del Sasso" sul lago Maggiore un posto incantevole, quasi magico e pieno di pace.
    Si trova a picco sul lago con una vista da brivido.
    A presto.

    RispondiElimina
  19. Bell'idea... a leggerla prima .. ci siamo stati da poco in toscana.. e a saperlo magari in un paio ci saremmo passati..li terremo a mente.
    Bell'idea!
    Ciao Fico&UVa

    RispondiElimina
  20. Una proposta interessante!

    Molti monasteri (tra i quali sicuramente quello di Camaldoli), oltre agli ottimi e salutari prodotti di cui riferisci, offrono l'opportunità di prenotare le loro stanze per brevi e rilassanti soggiorni!
    Un tipo di ospitalità alternativo e molto richiesto.

    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  21. @anna hai ragione mi sono dimenticato di dirlo, grazie per avercelo ricordato e grazie anche a tutti gli altri per i consigli siete molto attenti e mi fa molto piacere

    RispondiElimina
  22. Non ho mai avuto modo di essere ammessa in un convento di frati, ma molto spesso mi è capitato di essere stata ospite di una comunità di suore, persone di grande cultura e disponibilità spirituale.
    E' interessante questa tua iniziativa.
    E' una bella scoperta il tuo blog!!!

    RispondiElimina
  23. Ciao, moooolto interessante! Ma quanti blog scrivi? :)
    Per ora ho messo questo tra i preferiti del browser :)
    Ciaoooo

    RispondiElimina
  24. fra un po scoprirete tutti i miei piccoli aiutanti

    RispondiElimina
  25. bellissima idea, l'Abbazia di piona è a 20 minuti da casa mia in macchina ed è stuoenda, Gunther solo per informazione non è più in provincia di Como ma ora è nella provincia di Lecco :-) e a Novacella ci sono stata in viaggio di nozze.... meravigliosa!!! grazie per tutte le bellissime notizie che ci dai :-)

    RispondiElimina
  26. garzie ely. c'ero stato che era ancora provincia di como, grazie un abbaccio

    RispondiElimina